Il borgo di Pietramelara rappresenta il cuore del centro storico; sulla  sommità si trova una possente torre longobarda, raggiungibile  attraverso un intricato sistema di stradine e  gallerie, che conservano incredibilmente l’originario  impianto medievale. Il Palazzo Ducale, risalente al XV  secolo, rappresenta uno dei primi esempi, nel Meridione,  di dimora signorile annessa ad un grande parco  giardino, chiamato Pomario.

Di particolare interesse e importanza, oltre l’ex convento di Sant’Agostino e la Chiesa Madre di San Rocco,  sono le Grotte di Seiano, in località Castellone. L’antichissimo  luogo di culto, probabilmente di origine  preromana, è delimitato da maestose mura in opera  poligonale. Si tratta di un vastissimo complesso sotterraneo  di gallerie in muratura che si estendono sino a raggiungere le mura megalitiche, circondanti gli imponenti  ruderi. Il tempio principale occupa un’area di circa 1000 metri quadri e si preserva sorprendentemente nonostante i suoi 2500 anni di età.

Anche a Pietramelara si lavora il Cacioforte di Statigliano,  seguendo sempre rigorosamente la tradizione.  A questa leccornia casearia si aggiungono le marzelline,  ricottine fresche ottenute da latte di pecora, e i  formaggi di latte di bufala stagionati.

 

Puoi trovare questo contenuto nella Guida Turistica del Medio Volturno, 2016 alla pagina 33