Comune di Formicola (Ce)

Formicola si è sviluppata verso l’XI secolo, intorno ad un villaggio denominato “Majorano” o “Mairanu”; ancora
oggi la zona più antica del centro porta questo nome: “Via Maiorano”.

Dapprima fu edificata una torre, poi, nel tempo, vi sorse intorno tutto l’abitato. I nobili casati, che hanno risieduto qui nel corso dei secoli, hanno lasciato un patrimonio storico-architettonico di grande pregio: magnifici palazzi quattrocenteschi e importanti edifici religiosi, quale il santuario di Santa Maria del Castello, meta di numerosi pellegrinaggi.

L’attrattore principale di questo piccolo e incantevole borgo è tuttavia il paesaggio naturale: boschi di querce e macchia mediterranea dominano il territorio, regalando scorci di luoghi avvincenti e incontaminati.

Formicola è caratterizzata, inoltre, per la presenza, lungo tutto il territorio, di solchi valivi (i valloni) di periodo triassico e per la presenza di abitazioni sotterranee osco-sannite, scavate nel tufo.

Diversi sentieri, attrezzati anche con aree di sosta e pic-nic, permettono di inoltrarsi in questi boschi e ammirare le bellezze che regala Monte Maggiore, in auto, a piedi o in mountain bike.
Dal borgo è possibile raggiungere le località di Le Campole, il Santuario di Santa Maria del Castello o Santa Maria a Fradejanne.

Lungo questi percorsi, natura, splendidi panorami, luoghi di culto, eremi, regalano momenti di relax e divertimento.

Formicola è meta ideale anche per chi ama la buona cucina.
Accanto al vino Casavecchia (leggi l’approfondimento sul Casavecchia) e all’olio extravergine, troviamo la Ciliegia Imperiale, che rappresenta un vero pilastro dell’economia locale. Queste ciliegie vengono accuratamente selezionate con cernita manuale allo scopo di presentarle nelle migliori condizioni di freschezza e gusto. L’elevata consistenza della polpa le rende ottime per tutti gli impieghi.

Anche la CastagnaUfarella” è un’eccellenza del territorio. Una varietà autoctona è molto amata per la tipica dolcezza del suo sapore.
Queste castagne sono utilizzate per preparare dolci, oltre che minestre; un piatto tradizionale locale è la zuppa di “allesse” (castagne lessate in acqua con foglie di alloro). Tuttavia, il modo più apprezzato per gustarle, sembra essere come “caldarroste”.

 

Sagra della Ciliegia

Il calendario eventi, dedicati ai prodotti tipici del territorio, rappresenta un ulteriore richiamo nel caratteristico borgo; in particolare, la Sagra della Ciliegia, organizzata dalla Pro Loco Il Capraio, col patrocinio del Comune di Formicola, giunta quest’anno (2015) alla sesta edizione.

L’evento dedica un intero fine settimana di giugno alla mostra, alla vendita e alla degustazione del succoso frutto e di altri prodotti locali, insieme a convegni e visite guidate verso i luoghi caratteristici del borgo. Musiche e balli fanno da sfondo alla manifestazione che ogni anno vede sempre più ospiti.

Questa sagra è l’occasione giusta per celebrare ogni anno Formicola, quale “Città delle Ciliegie”, così come riconosciuta dall’Associazione Nazionale.

 

Chiesa di Maria Santissima del Castello

Secondo la tradizione, nel 1142 un gruppo di monaci di San Guglielmo edificarono un eremo e una chiesa intitolata a Santa Maria del Castello. La chiesetta primitiva, prossima all’attuale chiesa, fu abbellita con affreschi nella prima metà del XIV secolo. Il piazzale omonimo, antistante la chiesa, è meta di pellegrinaggio annuale di tanti fedeli.
Immerso in una rigogliosa pineta, viene utilizzato come area di sosta e ristoro.