Quello che vi proponiamo è un week-end slow a passeggio all’interno di un vulcano, tra borghi, castagneti secolari e siti preistorici.
Si parte alla scoperta dell’antica Teano, capitale del popolo sidicino, per fare un tour che porta al teatro romano e al bellissimo Loggione, lo storico palazzo nobiliare che ospita il Museo Archeologico Teanum Sidicinum e proseguire verso le numerose chiese e vicoli della cittadina. Di grande fascino è la Basilica di San Paride, situata a un chilometro circa dalla cittadella di Teano, un magnifico luogo di culto dell’XI secolo custode di antiche leggende, arte e storia.

Risalendo il cratere si può raggiungere il comune di Tora e Piccilli, che domina il paesaggio con la sua imponente Torre Normanna. Nelle campagne, in località Foresta, raggiungibile in pochi minuti, si trova uno dei più importanti siti preistorici del mondo: le Ciampate del Diavolo. Grandi e misteriose impronte hanno impressionato per secoli gli abitanti del posto, che hanno attribuito queste tracce a entità soprannaturali. La visita al sito, con la guida dell’Associazione Orme, permette di scoprire e osservare un meraviglioso spaccato di storia umana di circa 350mila anni fa.

Spostandosi nel cuore del Vulcano, si raggiunge la città di Roccamonfina, nota soprattutto per le sue acque termali, i funghi porcini e le castagne. Tutt’intono un paesaggio fertile e lussureggiante, cuore del Parco Regionale Roccamonfina-Foce del Garigliano, dominato da boschi di querce e castagneti.

Lungo il corso cittadino è possibile trattenersi nel vari locali per poi spostarsi verso lo spettacolare e panoramico Santuario dei Lattani, con lo splendido chiostro affrescato e la vicina grotta dove, si racconta, sia stata trovata la statua della Madonna titolare del Santuario.

Nel vicino comune di Conca della Campania, per gli amanti della natura, segnaliamo la presenza di una incantevole cascata, situata a pochi metri dalla “Casa del Mugnaio”. Un bel sentiero conduce alla sommità della cascata, nel punto dove il torrente compie un salto di circa 50 metri. Il sentiero prosegue fino a scendere verso la base della cascata e prosegue, disegnando un anello, per risalire di nuovo al punto di partenza. Una comoda area pic-nic accoglie coloro che vogliono fare una sosta dopo questa bella passeggiata nel verde.

A tavola

Da L’Antico Focolare, immerso in un parco verde, per scoprire una cucina ispirata dalla tradizione gastronomica locale.
Raggiungete il Borgo Patierno Agristor Country House per gustare piatti locali tra cantine e fienili antichi ristrutturati.

Per un riposo rigenerante

Da Hotel Ascot, troverete tutti i comfort e anche un centro benessere. La struttura accoglie anche gli amici a quattro zampe.
Borgo Patierno Agristor Country House dispone anche di camere e appartamenti per regalarvi un rilassante soggiorno.

Un originale souvenir per voi e i vostri cari

L’ottimo vino della cantina Porto di Mola. L’azienda possiede anche un magnifico uliveto da cui si ricava un profumatissimo e ricercato olio d’oliva.

In ogni località suggerita ci sono tante curiosità da scoprire, per questo motivo vi invitiamo a contattare le associazioni e le guide turistiche del posto che vi segnaliamo di seguito:

Museo Virtuale Caleno, MuViCa  338 8374156
Tra i Bagliori della Storia
Associazione Orme 331 3020113 –  Ciampate DEL Diavolo